venerdì 17 aprile 2015

Cupcakes all'amarena con ganache al cioccolato

Oggi vi propongo la ricetta di un dolce soffice e goloso: i cupcakes all'amarena con ganache al cioccolato.


Per la ricetta mi sono ispirata al libro "Cupcake e muffin".

Gli ingredienti per circa 6 cupcakes sono:

- 62g di farina 00
- 62g di zucchero
- 62g di burro morbido
- 90g di amarene e loro sciroppo Fabbri
- 5g di zucchero vanigliato
- 1 uovo
- 1 pizzico di sale
- 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
- 1 pizzico di bicarbonato
- 1 cucchiaio di kirsch

Per la ganache al cioccolato:

- 100ml di panna da montare
- 100g di cioccolato fondente
- 6 amarene Fabbri

Mescoliamo insieme il burro, lo zucchero, lo zucchero vanigliato e il sale fino a ottenere un composto morbido.
Aggiungiamo l'uovo e mescoliamo l'impasto con un cucchiaio di legno.
A parte mescoliamo la farina con la fecola, il lievito e il bicarbonato, dopodiché uniamoli all'impasto.
Tagliamo le amarene sgocciolate a pezzettini (teniamo da parte lo sciroppo) e aggiungiamole all'impasto.


Rivestiamo uno stampo per muffin con i pirottini in carta e distribuiamo l'impasto aiutandoci con un porzionatore per gelato.


Cuociamo nel forno preriscaldato a 175°C per circa 20', controllando la cottura con uno stecchino di legno.
Una volta cotti, bagniamoli ancora caldi con il succo delle amarene mescolato con il kirsch.


Prepariamo la ganache, riscaldiamo la panna in un pentolino, quando è ben calda aggiungiamo il cioccolato a pezzettini, mescolando fino a farlo fondere completamente.


Lasciamo raffreddare la ganache, riponiamola in frigorifero per almeno 2h e poi distribuiamola sui cupcakes con un cucchiaio o una sac à poche.


Mettiamo su ogni cupcake un'amarena e bagniamo la ganache con un cucchiaino del suo sciroppo.


Questi cupcakes sono assolutamente da provare; se non avete il kirsch potete agevolmente sostituirlo con il maraschino, mentre, quando è stagione, le amarene nell'impasto possono essere sostituite con 120g di ciliegie fresche.

Buon weekend!

martedì 7 aprile 2015

Pranzo di Pasqua 2015

Lo so, l'ultimo post risale a qualche giorno fa; potrei dare la colpa al ponte pasquale, ma la verità è che sono un po' più pigra del solito.
Nel weekend di Pasqua, però, mi sono data alla cucina senza risparmiarmi, perciò ecco una piccola cronaca del pranzo di Pasqua.

Antipasto:

Crostini con paté di tonno salmone e sottaceti, tante fette di pane croccante spalmate con morbido paté di tonno e decorate con striscioline di salmone e sottaceti a cubetti, la ricetta presto sul blog.



Primo:

Maltagliati al ragù bianco, pasta fatta in casa con un gustoso ragù privo di pomodoro, anche in questo caso la ricetta sarà presto sul blog.


Secondo:

Bocconcini di agnello con peperoni e olive, teneri pezzetti di carne di agnello con un condimento caldo e saporito (la ricetta QUI).



Contorno:

Una fresca insalata verde mista, condita nel più semplice dei modi: olio, aceto, sale e pepe.

Dolce:

Cupcakes all'amarena con ganache al cioccolato, soffici cupcakes con pezzetti di amarena e bagnati con il kirsch, ricoperti da una densa ganache al cioccolato fondente (QUI la ricetta).



Che dite ci siamo trattati bene?

Il bello di questo pranzo è che ho potuto preparare quasi tutto il giorno prima, ad eccezione della pasta fresca, dell'assemblaggio dei crostini e della decorazione del dolce.
In questo modo mi sono goduta la mattina di Pasqua senza dovermi rinchiudere in cucina.

Buona serata!

domenica 29 marzo 2015

Carciofi ripieni all'ascolana

Dopo una giornata trascorsa tra passeggiate sotto il sole e hamburger gourmet, eccomi qui con una nuova ricetta ideale per le giornate di festa, come la Domenica delle Palme e il weekend di Pasqua: i carciofi ripieni all'ascolana.


Questa ricetta è molto divertente, perché sembra di mangiare delle olive all'ascolana giganti, ma quando si addentano si scopre la gustosa verità: sono carciofi all'ascolana.
Per questo piatto mi sono ispirata ad una ricetta de "La cucina italiana" di febbraio 2015.

Gli ingredienti per 2 persone sono:

- 4 carciofi
- 25g di mortadella
- 75g di carne di manzo macinata
- 1 uovo medio
- 1 limone
- 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
- pane grattugiato
- farina 00
- olio per friggere Olita Dante
- sale
- pepe

Puliamo i carciofi, eliminando le foglie più esterne e tagliando la punta con le spine.
Separiamo il gambo da ciascuno dei cuori, peliamolo e tagliamolo in due o tre pezzi.
Man mano che li puliamo mettiamoli a bagno in acqua e limone per non farli annerire.


Cuociamo i carciofi in acqua bollente salata con il succo di mezzo limone per circa 10', poi scoliamoli e lasciamoli raffreddare.
A parte prepariamo il ripieno: tritiamo finemente la mortadella e uniamola alla carne tritata, poi aggiungiamo il prezzemolo, un pizzico di sale e di pepe.


Dividiamo il ripieno in due parti e formiamo due cilindri. Prendiamo i carciofi due a due e riempiamoli con il composto di carne e mortadella, schiacciando leggermente con le mani per farli aderire e per dargli una forma da oliva.


Passiamo ogni coppia di carciofi nella farina, poi nell'uovo, poi nel pane grattugiato.
Ripassiamoli nell'uovo e nuovamente nel pane grattugiato.
Dobbiamo essere molto accurati in questo passaggio, in modo da ottenere una panatura uniforme.
Passiamo i gambi solamente nel pane grattugiato.


Mettiamo in una pentola alta abbastanza olio da immergere i carciofi per metà.
Scaldiamo l'olio a circa 160°C (deve friggere delicatamente, se inseriamo al suo interno uno stecchino di legno devono formarsi delle bollicine sulla sua superficie).
Friggiamo i gambi di carciofo, poi immergiamo i carciofi ripieni all'ascolana uno alla volta e friggiamoli finché non diventano ben dorati su tutta la superficie, girandoli a metà cottura.
Scoliamo i carciofi e i gambi, appoggiamoli sulla carta per fritti e poi trasferiamoli in una teglia.
Cuociamoli nel forno preriscaldato a 200°C per 15' in modo da cuocere la carne contenuta all'interno.


Che dire, i carciofi ripieni all'ascolana sono proprio gustosi, un modo perfetto per gustare gli ultimi carciofi della stagione.

Buona serata!

lunedì 23 marzo 2015

Benarrivato iFood!

Ebbene si, dopo tanta attesa, tanta curiosità e tanto tutto è finalmente online: iFood.it.

Avrei tante cose da dire, ma lascio che sia questa mirabolante infografica a parlare e a spiegare che cos'è iFood.


iFood è fatto da tanti foodblogger che ci mettono la faccia, nel vero senso della parola!
E ce la metto anch'io, riuscite a trovarmi?


Spero di aver stuzzicato la vostra curiosità, non vi è venuta voglia di saperne di più?
Correte sul portale e mangiatelo con gli occhi, non rimarrete delusi!
E scopritelo su tutti i social:

TwitterFacebookInstagram e Pinterest 

Che altro dire, benarrivato iFood!



Buona serata!

lunedì 16 marzo 2015

Spaghetti soba con porri, manzo e funghi

Per tanto tempo ho cercato nei supermercati gli spaghetti soba, ma non ho mai avuto successo finché non ho ricevuto la giusta soffiata: si trovano al supermercato specializzato in alimenti biologici.
Seguendo questo indizio finalmente sono riuscita ad accaparrarmeli, perciò eccovi una ricetta per gustarli al pieno del loro sapore: gli spaghetti soba con porri, manzo e funghi.


Gli spaghetti soba sono un tipo di spaghetti di origine giapponese fatto con la farina di grano saraceno, che gli da il tipico colore scuro. Se volete prepararli in casa trovate la ricetta QUI.

Gli ingredienti per 4 persone sono:

- 250g di spaghetti soba secchi
- 200g di manzo in fette sottili
- 2 porri
- 1 carota
- 10g di funghi porcini secchi
- olio
- 4 cucchiai di salsa di soia
- sale
- semi di sesamo nero

Mettiamo i funghi secchi in acqua tiepida e lasciamoli a bagno per almeno 20'.
Scoliamoli, strizziamoli e tagliamoli a pezzetti.
Puliamo i porri, eliminiamo la foglia più esterna, la cima, il fondo e tagliamoli a rondelle.
Peliamo la carota, tagliamo testa e coda e tritiamola finemente.
Tagliamo il manzo a striscioline larghe circa 2cm.
Scaldiamo un filo d'olio nel wok o in una padella larga, uniamo i porri e facciamoli soffriggere.
Aggiungiamo la carne, i funghi e la carota e lasciamo cuocere per almeno 5', mescolando spesso per far rosolare la carne in modo uniforme.


Uniamo la salsa di soia e cuociamo per circa 8'.


Nel frattempo cuociamo gli spaghetti soba in acqua bollente salata seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
Scoliamo gli spaghetti e uniamoli al condimento.


Servaimo gli spaghetti soba e completiamo il piatto con semi di sesamo nero a piacere.


Buona serata!