domenica 22 febbraio 2015

Schie fritte con polenta

La ricetta di oggi è un piatto tipico veneto: le schie fritte con polenta.


Le schie o schille sono gamberetti di laguna, che vengono fritti interi e vivi.

Gli ingredienti per 2 persone sono:

- 100g di schie vive
- 2 cucchiai colmi di farina 00
- 1/2 bicchiere di farina di polenta bianca precotta
- sale
- olio di semi

Prepariamo la polenta bianca seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, ma utilizzando il doppio dell'acqua consigliata, in modo da ottenere una polenta morbida, quasi liquida.


A parte prepariamo le schie, laviamole accuratamente con abbondante acqua fredda e poi asciughiamole con la carta da cucina.
Passiamo le schie nella farina, ricopriamole completamente e scuotiamole per rimuovere la farina in eccesso.


Scaldiamo l'olio di semi in una pentola alta e stretta, quando è caldo tuffiamo al suo interno le schie, un ciuffo alla volta, e friggiamole per pochi minuti finché non diventano dorate.
Trasferiamole su un piatto rivestito di carta per fritti e saliamole leggermente.


Ricopriamo il fondo di ognuno dei piatti con un velo di polenta calda e adagiamo sopra un paio di cucchiaiate di schie.


Le schie fritte sono croccanti come le patatine e si sposano alla perfezione con la polenta morbida.
Attenzione quando le preparate: se sono vive e vispe, potrebbero saltellare qui e la nel tentativo di darsi alla fuga, perciò tenete gli occhi ben aperti!

Buona domenica!

martedì 17 febbraio 2015

Minestra di wurstel, crauti e patate

Quando ho letto del contest di Elisa ed Enrica dedicato al comfort food mi sono lambiccata lungamente per trovare la ricetta che meglio potesse rispondere alle loro richieste.
Poi mi sono ricordata che Roberto tempo fa mi aveva chiesto di preparargli una ricetta della sua famiglia, una minestra di cui lui aveva un ottimo ricordo e che avrebbe tanto voluto assaporare nuovamente.
Quindi mi sono detta: quale miglior comfort food di una minestra calda e avvolgente?
Ecco a voi la minestra di wurstel, crauti e patate.


A volerla dire tutta, il contest trae ispirazione dalle vicende della svedese Pippi Calzelunghe e vorrebbe creare una sorta di ponte tra la cucina svedese e quella italiana.
Ciononostante la ricetta che vi propongo non nasce in Svezia, ne in Italia, ma in Germania... più o meno a metà strada!

Gli ingredienti per 4 persone sono:

- 3 wurstel di suino grandi
- 400g di crauti al vino bianco sgocciolati
- 5 patate medie
- 100g di panna acida
- 1/2 cipolla rossa
- 1,5 cucchiai di paprika dolce
- 1 cucchiaino colmo di semi di cumino Nuova Terra
- olio
- burro

Puliamo la cipolla e tagliamola a fette, facciamola rosolare in due cucchiai d'olio.


Uniamo i crauti ben sgocciolati e lasciamo soffriggere per un paio di minuti, poi aggiungiamo la paprika dolce e il cumino.


Aggiungiamo acqua quanto basta a coprire i crauti e cuociamo per 30' dal raggiungimento del bollore.


Uniamo le patate pelate e tagliate in pezzi grossi, aggiungendo acqua quanta ne serve per coprirle, e continuiamo la cottura finché le patate non risultano tenere se infilzate con una forchetta.


Nel frattempo tagliamo i wurstel in rondelle spesse 0,5cm e rosoliamoli in una padella leggermente unta di burro.


Aggiungiamo i wurstel alla minestra insieme alla panna acida e mescoliamo.


Cuociamo la minestra per altri 10' senza coperchio, facendo evaporare il liquido in eccesso.


Serviamo la minestra di wurstel, crauti e patate bella calda.


Il profumo e il sapore di questa minestra sono avvolgenti, è deliziosa mangiata subito, ma anche il giorno dopo, purché venga conservata in un contenitore ermetico in frigorifero.

Buona serata!

Con questa ricetta partecipo al contest di "Coccola Time" e "Il fior di cappero" dal titolo "Benvenuti a Villa Villacolle".


'Create

domenica 15 febbraio 2015

Mud cake con zabaione, panna e fragole

Ieri, come tutti sanno, era San Valentino e come da tradizione ho deciso di preparare un dolce per Roberto: la mud cake con zabaione, panna e fragole.



La mud cake, letteralmente torta di fango, è una torta al cioccolato di origine americana, dal gusto intenso e dalla consistenza densa, che ben si sposa con una farcitura soffice e cremosa.
La ricetta della mud cake l'ho presa dal blog "La ricetta che Vale", mentre la ricetta dello zabaione proviene dal "Manuale di pasticceria e decorazione".


Gli ingredienti per 1 mud cake da 20cm di diametro sono:

- 350g di zucchero
- 250g di burro
- 200ml di latte intero
- 225g di farina 00
- 75g di farina autolievitante
- 150g di cioccolato fondente
- 2 uova grandi
- 1 bacca di vaniglia
- 1 pizzico di sale

Per lo zabaione:

- 100g di tuorli
- 100g di zucchero
- 200g di marsala

Per la panna montata:

- 400ml di panna da montare
- 4 cucchiai di zucchero

Per la bagna:

- 1/2 bicchierino di brandy
- 1 bicchierino di acqua
- 1 pezzo di buccia di limone

Per la decorazione:

- 250g di fragole
- 150g di cioccolato fondente

Prepariamo la mud cake; fondiamo in un pentolino il burro con il cioccolato, lo zucchero e il latte, poi lasciamo raffreddare per circa 15'.


Nel frattempo sbattiamo leggermente le uova con il sale e i semi della bacca di vaniglia, aiutandoci con una forchetta.
A parte mescoliamo le due farine e setacciamole per eliminare eventuali grumi.
Uniamo le uova al composto di burro e cioccolato e montiamo il tutto con un frullino elettrico.
Aggiungiamo le farine poco alla volta, mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l'alto.


Versiamo l'impasto in una teglia con il fondo rivestito di carta da forno e i bordi imburrati e leggermente infarinati.


Cuociamo nel forno preriscaldato a 160°C per circa 1h 30', controllando la cottura con uno stecchino di legno che deve risultare pulito.
Sformiamo la torta, lasciamola raffreddare su una gratella.


Tagliamola in tre dischi di uguale spessore, per aiutarci possiamo riporre la torta in frigorifero per circa 30' prima di tagliarla.
Prepariamo lo zabaione. La ricetta prevede di usare una parte di tuorli, una di zucchero e due di marsala, per avere 100g di tuorli servono circa 5 uova medie.
Mescoliamo con una frusta i tuorli con lo zucchero, poi uniamo il marsala e continuiamo a mescolare.
Cuociamo il composto a bagnomaria, mescolando continuamente, fino ad ottenere una crema spumosa e soffice.


Lasciamo raffreddare lo zabaione e mettiamolo da parte.
Prepariamo la bagna facendo bollire gli ingredienti per 5', poi facciamola raffreddare.
Scegliamo le tre fragole più belle e mettiamole da parte, dopo averle lavate e asciugate accuratamente. Tagliamo le fragole rimanenti a pezzettini non troppo grossi.
Fondiamo il cioccolato a bagnomaria e utilizziamolo per realizzare dei rettangoli decorativi da applicare al bordo della torta (per una torta da 20cm di diametro occorrono 12 rettangoli larghi 5cm ognuno).
Usiamo il cioccolato fuso rimasto per ricoprire le fragole intere, lasciando libero solo il picciolo.


Riponiamo le decorazioni in cioccolato e le fragole ricoperte in congelatore per 30'.
Montiamo la panna con lo zucchero, prendiamone quattro cucchiai colmi e uniamoli con delicatezza allo zabaione. Mettiamo la restante panna in frigorifero.
Passiamo ora all'assemblaggio della torta.
Inumidiamo i tre strati di mud cake con la bagna, distribuiamo sulla base metà dello zabaione e metà delle fragole a cubetti. Appoggiamo sopra il secondo disco, poi il restante zabaione e le fragole rimaste.


Infine copriamo con l'ultimo disco e ricopriamo tutta la torta con la panna montata fredda, dopodiché adagiamo i rettangoli di cioccolato lungo il bordo, premendo delicatamente per farli aderire. Completiamo la torta mettendo le fragole ricoperte al centro e riponiamola in frigorifero per almeno 30'.
Tiriamola fuori dal frigorifero almeno 15' prima di servirla.


Ammetto che la preparazione di questa torta è lunga, ma il risultato giustifica l'impegno profuso per la sua realizzazione.
È proprio buona, sicuramente la replicherò in altre occasioni di festa, dato che è sia golosa che molto scenografica.

Buona serata!

domenica 8 febbraio 2015

Pane integrale al farro con semi di sesamo

La ricetta di oggi è un pane di origine inglese che si chiama bloomer a cui ho voluto dare qualche tocco personale: il pane integrale al farro con semi di sesamo.


Mi sono imbattuta in questa ricetta sfogliando il libro "Il pane fatto in casa", rispetto all'originale ho sostituito la farina bianca con una parte di farina semi integrale e una parte di farro, inoltre ho sostituito i semi di papavero con i semi di sesamo.

Gli ingredienti per 1 pagnotta sono:

- 300g di farina semi integrale
- 100g di farina di farro
- 275g di farina manitoba
- 480ml di acqua tiepida
- 15g di lievito di birra fresco
- 3 cucchiaini di sale
- semi di sesamo nero
- olio

Sciogliamo il lievito in 450ml di acqua tiepida, poi uniamo le farine e 2 cucchiaini di sale.
Impastiamo il tutto per circa 10' o finché l'impasto non risulta omogeneo.


Mettiamo l'impasto in una ciotola leggermente unta d'olio, copriamo con la pellicola da cucina e lasciamo lievitare in un luogo tiepido per circa 4h o finché non raddoppia di volume.


Prendiamo l'impasto lievitato e appoggiamolo su una spianatoia leggermente infarinata.
Impastiamolo nuovamente per 5' riponiamolo nella ciotola unta d'olio usata per la prima lievitazione.


Copriamo con la pellicola da cucina e lasciamo lievitare in un luogo tiepido per 2h.


Riprendiamo l'impasto, trasferiamolo sulla spianatoia infarinata e lavoriamolo per sgonfiarlo.
Lasciamolo riposare per circa 5', poi stendiamolo con il matterello cercando di formare un rettangolo regolare.


Arrotoliamolo su se stesso partendo dal lato lungo e trasferiamolo su una teglia da forno leggermente unta d'olio, lasciando il punto dove di uniscono i due lembi di pasta in alto.


Copriamo il rotolo con un panno e lasciamo riposare per 15'.
Giriamo il rotolo con la chiusura verso il basso, rimbocchiamo le due estremità verso il basso e pratichiamo sei tagli sulla superficie, usando un coltello affilato o una lametta.


Copriamolo nuovamente con un panno e lasciamo riposare il panno per 10'.
Spennelliamo la superficie del pane con una salamoia fatta con 30ml di acqua e 1 cucchiaino di sale, poi cospargiamolo con i semi di sesamo nero.


Cuociamo nel forno preriscaldato a 230°C per 20', prima di infornare spruzziamo la superficie con un po' di acqua fredda.
Passati i 20', abbassiamo la temperatura a 200°C e lasciamo cuocere per altri 30' o finché il pane non è uniformemente dorato in superficie.
Sforniamolo e lasciamolo raffreddare su una griglia.


Tagliamo il pane a fette usando un coltello affilato, possibilmente seghettato (io ho dovuto ripiegare su un coltello per arrosti).


Questo pane integrale è ottimo servito con affettati o di accompagnamento a minestre e sughi gustosi.

Buon weekend!

domenica 1 febbraio 2015

Gnocchi con cozze e zafferano

Oggi è domenica, non giovedì, ma nulla ci vieta di mangiare questi golosissimi gnocchi con cozze e zafferano.


Per la ricetta mi sono ispirata al libro "Il cucchiaio d'argento".

Gli ingredienti per 2 persone sono:

- 500g di gnocchi freschi
- 1kg di cozze
- 150g di salsa di pomodoro
- 1 bustina di zafferano
- 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
- olio di oliva
- 1 pizzico di aglio secco in polvere
- pepe
- sale

Laviamo bene le cozze, eliminando tutte le incrostazioni presenti sulle valve con un coltello e strappando via il bisso.
Trasferiamole in una casseruola con coperchio e cuociamole a fuoco vivace finché non si aprono.
Eliminiamo le cozze rimaste chiuse, prendiamo quelle aperte ed eliminiamo le conchiglie, tenendo da parte i molluschi.



In una padella facciamo riscaldare un filo d'olio con l'aglio secco, dopodiché uniamo la salsa di pomodoro e le cozze.



Lasciamo cuocere per circa 10', poi aggiungiamo lo zafferano sciolto in mezzo bicchiere d'acqua calda, il prezzemolo tritato, un pizzico di sale e di pepe.



A parte cuociamo gli gnocchi in acqua bollente salata, quando iniziano a galleggiare scoliamoli con una schiumarola e trasferiamoli nella padella col sugo di cozze caldo.



Serviamo nei piatti gli gnocchi caldi con il sugo di cozze allo zafferano.



Questi gnocchi con cozze e zafferano scaldano il cuore; se, come me oggi, avete poco tempo per prepararli, potete acquistare gli gnocchi freschi al supermercato anziché farli a mano, in modo da diminuire il tempo di preparazione.

Buona serata!